Lunedi, 24 Luglio, 2017

Roma, arriva l'annuncio di Francesco Totti: "Sarò un nuovo dirigente giallorosso"

Totti annuncia Comincia la mia vita da dirigente della Roma Mercato, il presidente del Tokyo Verdy rinuncia a Totti: “Non ha avuto l'ok della famiglia”
Zaira Scannapieco | 17 Luglio, 2017, 21:44

Il presidente del Tokyo Verdy, Hideaki Hanyu, rinuncia definitivamente al sogno Francesco Totti. Ero davvero voglioso di vedere Totti con la nostra maglia, ma temo che non ci siano più margini, ero pronto ad andare in Italia anche domani. "I mi metto a disposizione a 360° dal presidente alla giovanile" afferma Francesco Totti.

Ecco l'intervista pubblicata sul sito ufficiale della As Roma. Il rettangolo di gioco mi ha dato tanto e ho cercato di dare tanto per la gente che mi ha dato tanto amore. Li ringrazio tantissimo e mi ricorderà sempre di loro. Sarà difficile spiegare alla gente le sensazioni e le emozioni che ho provato quel giorno.

Inizia una nuova parte della vita?

E' finita quella da calciatore, ora inizierà quella più importante da dirigente, sperando di fare quello che ho fatto nel campo verde. E' stato bello giocare. E' stata la mia passione, il calcio è divertimento, trovare amicizia, divertirmi, conoscere persone nuove. E' una cosa che tocca qualunque cosa importante del mio corpo.

Sembrava che tu non volessi mai lasciare...

"Sì, penso che fosse chiaro: non l'avrei mai voluta terminare quella partita, quella giornata". Per me era troppo importante. Racchiudeva più di 25 anni.

Adesso si fa sul serio. Il calciatore e il dirigente sono due lavori diversi, ma avrò lo stesso spirito e la stessa testa. Parliamo di due cose ben differenti.

"Si riparte dall'inizio, ora parte una nuova fase, una nuova avventura". Ho preso tempo per riflettere, mi servirà del tempo per capire per entrare passo dopo passo in questa società e capire il ruolo perfetto. Tuttavia il numero uno del club nipponico ha fatto che capire che non ci reali possibilità che la trattativa si possa concretizzare. Ci vorrebbe una settimana per ringraziare tutti. Roseo, non è facile pensarci adesso. Io fino al 28 maggio ho pensato solo al calcio e alla squadra. Ora cambio pagina, registro e penserò a questo nuovo lavoro che mi entusiasma e che mi porterà cose nuove e belle. Quando cambi tipo di lavoro entri in punta di piedi per conoscere l'ambiente, io ho la fortuna che l'ambiente Roma già lo conosco, perciò i dubbi sono nel capire cosa voglio fare da grande. "In questo momento c'è un dettaglio ben preciso, non voglio avere un ruolo, voglio essere tutto e niente, voglio essere un personaggio importante per Roma e per la Roma e capire veramente quello che mi piacerebbe fare". Ci siamo chiariti e adesso siamo contenti del nostro incontro e cercheremo di portare più in alto possibile la squadra.

Hai parlato con la società? . "Sarà un valore aggiunto di questa Roma". Come mi farò chiamare?

Chi ci sarà scritto sul tuo biglietto da visita?

Altre Notizie