Lunedi, 24 Luglio, 2017

Maltempo: frane, fulmini e trombe d'aria su Calabria, Lazio e Sicilia

Temporali prossime ore al Sud Temporali prossime ore al Sud
Rufina Vignone | 17 Luglio, 2017, 16:27

Scilla si trova a nord di Reggio Calabria.Mappa che mostra la tempesta di fulmini che hanno interessato il basso Tirreno nella mattina di domenica. Il rogo della chiesa è stato domato dalla squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Siderno, che poi ha messo in sicurezza tutte le parti danneggiate.

Nemmeno il tempo di accantonare l'emergenza incendi, a dover fare i conti con un'ulteriore criticità. Numerosi sono stati gli interventi che li hanno visti subito impegnati per frane, smottamenti, allagamenti, recupero autovetture, sgombro sede stradale da detriti, autovetture, alberi pericolanti, verifiche e altro. Scilla, nota località turistica, è stata letteralmente devastata da una vera e propria alluvione-lampo. La strada è stata riaperta dopo alcune ore, mentre altri disagi sono stati registrati nella zona di Villa San Giovanni. Nella piccola cittadina situata sulla costa, sono caduti 83mm di pioggia ma sulle colline che la sovrastano si segnalano accumuli di 120mm: un quantitativo esagerato, che ha provocato un vero e proprio disastro. Alcune strade del centro abitato nei pressi del lungomare sono state invase da acqua e fango ed alcune autovetture sono state spostate dal flusso idrico superficiale. E sono in corso di valutazione gli effetti del maltempo sulle campagne in Calabria e nel Lazio. Il maltempo ha causato anche una frana sulla statale 18 nel tratto tra Scilla e Bagnara Calabra che è stato chiuso al traffico.

L'Unità di crisi istituita dal prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari lo scorso 9 luglio per fronteggiare l'emergenza incendi, intanto, oggi ha coordinato anche le attività di soccorso per i danni provocati dal maltempo soprattutto a Scilla e Bagnara e, in misura inferiore, a Campo Calabro, Fiumara, Motta San Giovanni, San Roberto, Reggio Calabria e Villa San Giovanni.

A Caulonia superiore un fulmine ha colpito il lucernario della chiesa matrice causando lesioni nella sezione verticale. Si profila dunque l'arrivo della quarta ondata di caldo della stagione.

Altre Notizie