Lunedi, 24 Luglio, 2017

Macron a Donald Trump: "Niente ci separerà dagli Stati Uniti"

Migranti, Francia e Germania: Grazie Italia, da sola hai retto l'urto Summit di Trieste, i documenti finali del Vertice e le dichiarazioni dei leader alla stampa
Rufina Vignone | 17 Luglio, 2017, 18:45

Mentre Trump ripartirà per gli Stati Uniti, il presidente francese si recherà per Nizza in occasione del primo anniversario dell'attentato terroristico che causò 86 morti durante i festeggiamenti del 14 luglio. Per dimostrarlo, il neo eletto presidente Macron ha invitato il suo collega americano Donald Trump alla commemorazione della presa della Bastiglia, che coincide con l'ingresso degli Stati Uniti nella Grande Guerra. E a giudicare dalle dichiarazioni ufficiali sembra che fra Usa e francia l'intesa sia molto meno distante di quanto si potesse immaginare. Furono 126.000 i militari americani che persero la vita nei combattimenti, 234.000 i feriti. "Voglio ringraziarli per la scelta fatta cento anni fa", ha concluso Macron in riferimento all'impegno americano nella Grande Guerra avvenuto esattamente cento anni fa vicino all'inizio del "Secolo Breve" che lo storico britannico Eric Hobsbawm collocava allo scoppio della Grande guerra nel 1914 e faceva terminare con la dissoluzione nel 1991 dell'Unione sovietica. Se Macron è l'uomo dell'Ena, delle scuole prestigiose, delle istituzioni europee, a favore della globalizzazione sebbene temperata e del Trattato sul clima, Trump nasce come il politico anti-élite, a favore dei rapporti bilaterali, del protezionismo e delle mani libere sul clima. Per motivi di sicurezza la Tour Eiffel chiude oggi e domani ai turisti e si blinda per la cena a quattro di stasera al ristorante del secondo piano, il "Jules Verne". Poco prima, Macron aveva espresso "rispetto" per la decisione di Washington di abbandonare l'accordo. Il presidente americano è infatti arrivato all'Eliseo, accompagnato dalla moglie Melania, per un colloquio con Emmanuel Macron e la moglie Brigitte.

Riguardo all'accordo di Parigi sul clima, da cui gli Usa si sono sfilati: "Qualcosa può succedere e se succederà, sarà fantastico", ha detto Trump. Lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, durante la conferenza stampa a Parigi con il suo omologo statunitense, Donald Trump. "Le relazioni con la Francia sono più forti che mai". Trump ha più volte annunciato di voler ridiscutere gli accordi di Parigi, ma ora questa sua posizione potrebbe anche non essere più così drastica come sembrava. Il fatto che ci sia questo problema "non deve impedire discussioni su altri temi", ha continuato Macron, "condividiamo molte cose molto importanti".

Altre Notizie