Martedì, 26 Settembre, 2017

Autocertificare i primi tre giorni di malattia, arriva il ddl

Malattia arriva l'autogiustificazione al lavoro per i primi 3 giorni Gwyneth Paltrow e le bufale sul web: la Nasa la accusa di frode
Irmina Pasquarelli | 04 Luglio, 2017, 23:03

"Autogiustificare" i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro per alleggerire il lavoro dei medici di base. La proposta è approdata in commissione Affari Costituzionali del Senato e ha incassato il sostegno della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo), che da anni chiedeva la revisione della legge Brunetta.

Secondo il testo, composto di due soli articoli, se il lavoratore non si sente bene - per un malore passeggero che non comporta più di tre giorni di assenza - può decidere in autonomia di avvertire il suo medico curante, che provvederà a rendere nota l'assenza all'Inps e al datore di lavoro con una mail. Il Ddl incide poi, ridimensionandole, sulle pene ai medici, anche per porre rimedio ad alcune contraddizioni ed eccezioni di incostituzionalità rilevate nella legge Brunetta. "Il medico in questi casi deve limitarsi, all'interno del rapporto di fiducia che lo lega al paziente, a prendere atto di quanto lamentato".

L'iter è appena cominciato, ma l'approvazione potrebbe arrivare entro la fine della legislatura.

Il lavoratore potrebbe segnalare l'assenza senza passare dal medico. I risultati nei paesi anglosassoni sono positivi. "Non penso che favorisca l'assenteismo, confido nel fatto che siamo un Paese maturo", ha spiegato Scassola. La responsabilità in questo caso è tutta a carico del lavoratore.

Altre Notizie