Sabato, 24 Giugno, 2017

Premier May: attacco a Moschea è attentato terroristico

Londra, furgone sulla folla Finsbury Park, veicolo sulla folla Una vittima, diversi feriti. Un arresto
Elvia Crecco | 20 Giugno, 2017, 09:38

Musulmani: "Atto deliberato". May: "Attacco ripugnante esattamente come altri". La zona è stata isolata ed è stata rafforzata la presenza di polizia nei luoghi di culto della City.

Poco dopo la mezzanotte di lunedì 19 giugno, un furgone è piombato su un gruppo di fedeli musulmani a Finsbury Park a nord di Londra, vicino a una moschea dalla quale stavano uscendo le persone radunate per le preghiere del Ramadan.

Il leader del Labour e parlamentare locale, Jeremy Corbyn, ha trascorso la maggior parte della mattinata alla Muslim Welfare House, dove l'attacco è avvenuto. La polizia ha arrestato un uomo di 47 anni, Darren Osborne, residente a Cardiff, sposato e padre di quattro figli. Un uomo ha investito alcune persone con un camion alla fine della preghiera notturna dopo l'interruzione del digiuno del Ramadan. Numerose ambulanze sono accorse sul posto e l'intera area e' stata isolata dalle forze dell'ordine.

Roma, - Un attacco terroristico, quello alla moschea di Londra a Finsbury Park, anche nelle parole della prima ministra britannica Theresa May.

La moschea ha un passato turbolento, a causa dei sermoni infuocati che qui teneva Abu Hamza Al Masri, imam radicale, poi arrestato per istigazione a omicidio e odio razziale.

La moschea ha riaperto le porte nel 2005 sotto una nuova guida, contrastando l'estremismo e il settarianismo, e riguadagnando così la fiducia delle autorità e della comunità. Secondo un primo bilancio confermato anche dalla polizia un uomo sarebbe morto sul posto mentre altre otto persone sono state ricoverate in ospedale.

"Un altro deprecabile attacco terroristico contro innocenti".

"Un attacco ad una moschea, un attacco ad una sinagoga, un attacco a una chiesa è in realtà un attacco a tutti i noi", ha detto il numero uno del partito laburista, parlando a fianco dei capi della moschea, "dobbiamo proteggere mutualmente le nostre fedi, i nostri stili di vita, questo ci rende una società e una comunità forti".

"Dobbiamo restare uniti contro gli estremisti qualunque sia la loro motivazione", spiega la polizia londinese. Poco dopo l'attacco il leader labour si è recato sul luogo e ha parlato con i servizi di soccorso, poi è tornato più tardi per parlare con i testimoni e gli abitanti del quartiere. Al suo interno sono stati radicalizzati gli assassini che hanno sparso sangue innocente in Bosnia, Afghanistan, Iraq e Siria. Lo riporta Scotland Yard, aggiungendo che l'uomo è deceduto sulla scena.

Secondo testimoni oculari, l'uomo ha gridato "Voglio uccidere tutti i musulmani" prima di essere bloccato a terra da alcuni coraggiosi presenti. Lo scrivono i media britannici.

Altre Notizie