Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

== Maturita': Fedeli, auguri a studenti, a docenti 3 volte grazie

Esami di maturità, arruolati presidi e prof in pensione Esame di maturità e l'ansia degli studenti: perché è uno spauracchio inutile
Remigio Civitarese | 20 Giugno, 2017, 18:02

Dal numero di prove, ai crediti scolastici, passando per Invalsi e alternanza scuola - lavoro, Tuttoscuola ha approfondito tutte queste e le altre novità che vedranno protagonista l'esame di Stato in una diretta gratuita di dal titolo "Come cambia la Maturità".

Infine, una quarta prova che riguarda gli istituti in cui si sperimenta il progetto Esabac e i licei che hanno sezioni con opzione internazionale cinese, tedesca e spagnola. L'appuntamento è con la tradizionale prova d'italiano, che è uguale per tutte le scuole. Il raggio d'azione, comunque, sembra essere più limitato di altri anni, ma per forza di cose le sorprese sono sempre dietro l'angolo in queste circostanze. Nelle ultime ore è scattato il toto traccia con la speranza di avere qualche informazione o dritta su quale sarà il tema della prima prova scritta. Lunedì 18 giugno si sono svolte le riunioni tra presidenti di commissione, commissari interni ed esterni. Poi, naturalmente, gli orali. Per i ragazzi mercoledì il battesimo del fuoco: prima prova scritta, quella di italiano.

Molti dei maturandi, non sentendois in grado di affrontare le tracce sull'analisi del testo, l'articolo di giornale o il tema storico, punteranno molto probabilmente sul tema di ordine generale che, anche se è il più scelto, non è detto che sia il più facile da affrontare. Sono 200 i docenti ancora da destinare alle 410 commissioni, impegnate fino a luglio, che a questo punto saranno completate a maturità già avviata.

Tra i temi, invece, il 60esimo anniversario dalla firma dei Trattati di Roma, in un momento storico difficile per l'Unione Europea.

E' un vero e proprio calcolo che parte dai risultati dalla terza superiore; infatti alla fine di ogni anno del triennio, a seconda della media dei voti ottenuti da ogni studente è stato attribuito un credito scolastico: da un minimo di 3 ad un massimo di 8 punti nei i primi due anni, per passare da 4 a 9 punti nell'ultimo anno. Un altro 39% è pronto a farlo, ma si riserva la facoltà di selezionare il beneficiario dell'aiutino: un privilegio che toccherà solo a chi se lo è meritato, insomma.

Sul fronte dell'attualità, le tracce possibili per il tema d'italiano sono molteplici, a partire da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, scomparsi 25 anni fa per mano della mafia.

Altre Notizie