Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

La gaffe del ministero dell'Istruzione sugli esami di maturità

20170619_215800_4547B8AF Traccie con la «i» sul sito del Miur Sfottò in Rete per il ministero
Irmina Pasquarelli | 20 Giugno, 2017, 14:16

E sicuramente gli sarà scappata anche una bella risata.

Immediate allora le scuse del Miur, attraverso una nota: "Abbiamo visto il refuso sul sito degli Esami di Stato e siamo subito intervenuti". Ma ad essrere rimandato, stavolta, è il Ministero dell'Istruzione, che proprio alla vigilia degli esami di Maturità pubblica sul suo sito, nella sezione "speciale Maturità" il rimando agli argomenti degli anni passati sbagliando clamorosamente l'ortografia di un vocabolo: scrive "traccie" anzichè "tracce", senza la i.

"Si tratta di un errore di battitura, di un errore materiale che, naturalmente, non doveva esserci". Un errore grossolano, da prima elementare secondo i più scatenati commentatori del web, che subito non si sono fatti sfuggire il terribile errore da parte di chi dovrebbe delineare le linee guida per le prove di maturità. "Il fornitore tecnico che gestisce l'inserimento dei contenuti sul sito del Ministero ci ha fatto pervenire una lettera di scuse per l'episodio accaduto che arreca un danno d'immagine alla nostra istituzione", si legge in una nota del ministero. Sì, perché proprio sul sito del MIUR campeggiava la dicitura "Traccie prove scritte" e giù con i commenti e le ilarità sui social network dove è rimbalzato lo screenshot della pagina "incriminata". "È una vergogna la parola "traccie" a caratteri cubitali".

Nuova gaffe per il ministero dell'Istruzione. "Il virus della #Fedeli ha colpito il Palazzo".

Altre Notizie