Martedì, 22 Agosto, 2017

Musei gratis per la giornata dei piccoli musei

Pau, nel Museo dell'Ossidiana la giornata nazionale dei piccoli musei Giornata Nazionale dei Piccoli musei. Tante le iniziative nella Capitale
Irmina Pasquarelli | 18 Giugno, 2017, 08:43

Cultura, storia e antichi mestieri sono al centro di questo di questo importante evento, che vede per la prima volta protagonisti i Piccoli Musei.

Il 18 giugno è stata indetta dall'Associazione Nazionale Piccoli Musei la Giornata dei Piccoli Musei, alla quale hanno aderito più di 170 strutture in tutta Italia e che sembra attirare molto anche l'interesse del pubblico.

Un evento nazionale ideato per dare visibilità ai tantissimi piccoli musei italiani, che prevede l'ingresso gratuito e una piccola sorpresa-omaggio per i visitatori.

Conoscere il Museo dell'acqua, e con esso avere una panoramica informativa sulle fonti e sui manufatti che nei secoli hanno permesso di approvvigionare la città sarà l'occasione, o meglio, l'opportunità, per conoscere la storia e lo sviluppo socio-economico che Siena ha avuto nel tempo.

La Giornata Nazionale non è solo un invito a tutti a visitare gratuitamente i Piccoli Musei, ma è un momento di condivisione e di accoglienza, con l'obiettivo di fare conoscere il vero volto dei piccoli musei, la loro importanza, il loro ruolo e le loro specificità all'interno di una comunità. La Giornata si caratterizza per l'ingresso gratuito e per un dono offerto ai visitatori, al fine di rendere tangibile la cultura di accoglienza di un piccolo museo e le sue specificità.

Il dono vuole indicare che nei piccoli musei la prima risorsa sono le persone, chi ci lavora, chi cura le collezioni, chi ha aperto il museo, chi lo visita, i residenti che si identificano con il museo. "Dall'Ara - che filmeranno e documenteranno le loro esperienze postandole sui social come suggerito dall'inziativa proveniente dal sito invasione digitale".

Ora la prima Giornata Nazionale dei Piccoli Musei sta mostrando qualcosa di nuovo e di diverso: la voglia di sperimentare nuovi modelli di rete, di mettersi assieme per fare quello che da soli si fatica a realizzare: dalla gestione e promozione di un itinerario, alla creazione di proposte di visita fuori dall'ordinario, all'organizzazione di eventi trasversali, alla gestione di marchi territoriali, alla costruzione di doni per i visitatori, al di fuori della logica dei gadget e della cultura del merchandisin.

Altre Notizie