Venerdì, 23 Giugno, 2017

Ius soli, Gentiloni: "Fare presto, atto di civiltà". Grillo: "Pastrocchio invotabile"

Ius soli, tensione sotto al Senato per un sit-in Casapound: la polizia carica Roma: CasaPound manifesta contro lo “Ius Soli”. E giù manganellate
Zaira Scannapieco | 18 Giugno, 2017, 02:31

“È un atto doveroso e di civiltà.

"L'esperienza di questi anni di chi contrasta la radicalizzazione e il terrorismo ci dice che per contenere i pericoli e prosciugare l'acqua attorno ai quali si radicalizzano la strada non è l'esclusione, la contrapposizione, la rottura, la strada dei muri che si alzano, la strada è quella del dialogo e dell'inclusione".

La nuova legge introdurrebbe soprattutto due nuovi criteri per ottenere la cittadinanza prima dei 18 anni: si chiamano ius soli ("diritto legato al territorio") temperato e ius culturae ("diritto legato all'istruzione"). Giocano tutti insieme, con altri adolescenti metà cubani e metà sardi e un figlio di genitori svedesi. "La cittadinanza a questi bambini è un pezzo della nostra sicurezza e per questo che dobbiamo procedere e concedere questo diritto a chi se lo merita in modo così evidente".

La legge è sostenuta dal Pd, mentre sono contrarie le principali forze di opposizione: Forza Italia e Lega Nord si oppongono in maniera molto visibile - giovedì scorso la Lega ha tenuto una manifestazione di protesta all'interno del Senato - mentre il Movimento 5 Stelle aveva deciso di astenersi, come già aveva fatto alla Camera, anche al Senato. E' vergognoso tenere il Parlamento in stallo per discutere di provvedimenti senza capo né coda, mentre non si fa nulla per dare una mano alle famiglie italiane che si trovano in grande difficoltà economica: "secondo l'Istat sono l'11,9% del totale, ovvero 7 milioni e 209mila persone che nel 2016 si sono trovate nelle condizioni di 'grave deprivazione materiale'". "Non sottovalutiamo l'importanza della nostra cultura e della nostra identità". Mi appello prima ancora che all'umanità all'intelligenza. Stiamo parlando della possibilità di consentire a questi bambini non solo di sentirsi italiani ma di essere italiani, parlare la lingua, rispettare le nostre leggi. "Noi non molliamo! La cittadinanza non si regala", ha concluso il post il leader del Carroccio. "Il testo sullo Ius Soli imposto all'Aula del Senato, senza nessuna discussione in commissione, contiene un errore ed una omissione micidiali, che contraddicono vistosamente le dichiarazioni a sostegno del Presidente del Gruppo PD senatore Luigi Zanda e del Vice segretario del PD e ministro Maurizio Martina". Sempre secondo i calcoli, i minori nati in Italia da madri straniere dal 1999 a oggi sono 634.592 (assumendo che nessuno di loro abbia lasciato l'Italia). "È un tema che riguarda tutta l'Europa perché con le regole attuali chi diventa cittadino italiano ha lo status di cittadino Ue". Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Altre Notizie