Lunedi, 11 Dicembre, 2017

Incendio a Londra, è ufficiale: morti Gloria Trevisan e Marco Gottardi

Peter Nicholls  Reuters Peter Nicholls Reuters
Remigio Civitarese | 18 Giugno, 2017, 01:18

Ufficialmente e terribilmente morti, come è stato annunciato alle famiglie, di Camposampiero (Padova) e San Stino di Livenza (Venezia), con una telefonata della Farnesina.

Grenfell Tower. Lo ha comunicato l'avvocato della famiglia Trevisan.

Ci sono anche Gloria Trevisan e Marco Gottardi tra le vittime dell'incendio alla Grenfell Tower di Londra. E purtroppo Marco e Gloria, che erano a Londra per motivi di lavoro, erano in quella torre, erano in quell'inferno di cristallo che li ha intrappolati spegnendo per sempre il loro sorriso. Al telefono hanno raccontato ai genitori in una sorta di diretta disperata la paura per le fiamme che si avvicinavano, e li hanno salutati per l'ultima volta.

Due giovani vite strappate troppo presto e in modo troppo violento, che ora possono riposare in pace, con la speranza che riescano a donare un po' di quella pace anche ai loro cari. La premier Theresa May ha dichiarato che il governo stanzierà 5 milioni di sterline a sostegno dei superstiti e si impegnerà ad assicurare a ognuno di essi un alloggio nello stesso quartiere e a fornire gratuitamente assistenza legale per tutta la durata dell'inchiesta. Ma il numero che preoccupa di più è quello dei dispersi.

La polizia sta seguendo i più rigidi protocolli e per chi sta cercando parenti e amici è difficile avere informazioni.

La mamma e il papà di Gloria, Emanuela e Loris, non ce l'hanno fatta a partecipare alla veglia.

Secondo la stampa mancano all'appello ancora settanta persone e la polizia ha reso noto che alcune delle vittime potrebbero non essere mai identificate. Poi, l'addio: "Sto per andare in cielo, vi aiuterò da lì" ha salutato gloria prima di scomparire.

CONTINUANO LE INDAGINI - Le indagini sulle cause dell'incendio continuano.

"Ci sono state una serie di telefonate convulse - prosegue il padre del ragazzo, in lacrime -, nelle quali continuava a garantirci che i soccorsi stavano arrivando e che la situazione si poteva risolvere". Questo tipo di rivestimento sarebbe stato meno costoso di quello ignifugo, ma non completamente in linea con le norme di sicurezza. Per la Bbc sono almeno 76 le persone contate come "disperse", precisando che nella cifra risultano compresi i 17 già conteggiati come morti sicuri.

Altre Notizie