Mercoledì, 18 Ottobre, 2017

(FOTO/VIDEO) Roma. Ius soli, CasaPound sotto al Senato: tensioni e manganellate

20170615_143846_17AC3959 Ius soli, tensioni sotto al Senato tra CasaPound e forze dell'ordine. "Feriti due attivisti"
Rufina Vignone | 18 Giugno, 2017, 18:29

La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli è finita all'infermeria del Senato. Coinvolta nel parapiglia, la ministra Valeria Fedeli ha riportato alcune leggere contusioni poi medicate nell'infermeria del Senato.

Tensione sotto al Senato, dove CasaPound, con il vicepresidente Simone Di Stefano in testa, hanno manifestando contro la legge sullo Ius Soli che oggi arriva a Palazzo Madama. "Quando si discutono provvedimenti come lo Ius Soli i palazzi devono essere blindati, sanno perfettamente quanto i cittadini sono indignati". Il segretario leghista Matteo Salvini aggiunge: "Gli eccessi non vanno mai bene ma che in un momento di emergenza economica e sociale come questa che la priorità del parlamento sia lo ius soli penso che non ci creda nessuno". Ma è ancora giallo su ciò che è successo: secondo alcuni esponenti Dem la ministra sarebbe stata "spinta" contro il tavolo e le sedie da alcuni senatori della Lega Nord, "arrivati di corsa con in cartelloni".

In mattinata, cambiando l'ordine del giorno su richiesta dell'onorevole Loredana De Petris, l'Assemblea ha deciso di incardinare il ddl sullo Ius Soli prima degli altri provvedimenti previsti (il parere di costituzionalità sul decreto che reintroduce l'obbligo vaccinale) scatenando ulteriori polemiche. Il regolamento prevede infatti che sia nel caso in cui l'espulso resti in Aula, sia nel caso in cui questo venga trascinato fuori, la seduta si sospenda.

Ha pure il coraggio di chiamare "battaglia di civiltà" una legge che punta a distruggerla la civiltà. Servirà la dichiarazione di volontà di un genitore, o di chi ne esercita la responsabilità, all'ufficiale dello Stato civile del Comune di residenza del minore, entro il 18esimo anno. Il siparietto non è terminato perché Grasso gli ha spiegato: "quando ci sono giocatori che fanno i falli e si nascondono è chiaro che l'arbitro poi può reagire in questo modo, quando si agisce in maniera leale l'arbitro è leale". Inaccettabile per loro la legge che supera lo ius sanguinis e concede la cittadinanza italiana ai bimbi nati da genitori stranieri con permesso di soggiorno di lungo periodo, o che abbiano concluso un ciclo di studi in Italia.

Altre Notizie