Domenica, 22 Aprile, 2018

Russiagate, Washington Post: Trump indagato per ostruzione alla giustizia

Russiagate, le indagini toccano anche Kushner Russiagate, indagato anche il genero di Trump Jared Kushner
Elvia Crecco | 17 Giugno, 2017, 16:11

La notizia di presunti contatti del genero di Trump con esponenti russi era emersa nei giorni del G7 di Taormina, costringendo Kushner a rientrare prima negli Stati Uniti insieme alla moglie Ivanka, figlia del tycoon.

A quel punto le strade per Trump sarebbero due: le dimissioni oppure l'accettare di essere sottoposto al giudizio e al voto del Senato sulla vicenda. Una grana che inguaia non poco il presidente americano.

Il Washington Post aveva già rivelato che nell'indagine erano finiti i meeting tenuti da Kushner a dicembre con l'ambasciatore russo Sergey Kislyak e con il presidente della banca statale Sergey Gorkov. Il presidente Donald Trump ha quest'oggi ammesso di essere indagato attraverso una serie di tweet mattutitini, riportati dal Messaggero: "Sono indagato per aver licenziato il direttore dell'Fbi da parte dell'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dell'Fbi!".

"Il procuratore speciale che guida l'inchiesta sul ruolo della Russia nelle elezioni del 2016 interrogherà alti dirigenti dell'intelligence", scrive il WP, perché ora l'indagine "prevede di prendere in considerazione l'ipotesi che Donald Trump abbia provato a intralciare la giustizia". Per tre volte Comey gli ha confermato in privato che non era indagato, e con la solita logica surreale Trump ha comunicato la cosa in un passaggio non richiesto della lettera di licenziamento del direttore dell'Fbi.

Comey ascoltato dalla commissione d'inchiesta del Senato avrebbe parlato, sotto giuramento, di bugie da parte della Casa Bianca.

Nuova indiscrezione del Washington Post, che afferma che anche Jared Kushner, genero e consigliere di Donald Trump (ora indagato per ostruzione alla giustizia), sarebbe sotto inchiesta nell'ambito del Russiagate, con il procuratore speciale Robert Mueller che starebbe studiando le operazioni finanziarie di Kushner. Poco probabile immaginarlo alla sbarra in un tribunale visto che non è mai successo e oltretutto è il Congresso che deve decidere se e come procedere con l'impeachment. "Bello", è la prima reazione di del presidente arrivata via Twitter. E se anche ci fossero "alla Camera con una maggioranza repubblicana è improbabile che si arrivi a una condanna". Non le sembra che sia in atto un tentativo di far fuori Trump in ogni modo? Ma dopo quali fatti si è giunti alla conclusione che Trump avesse ostruito le indagini? "Il dipartimento di giustizia tiene la tradizionale linea di non confermare né smentire queste accuse".

Intanto, proprio in merito alle indagini sul Russiagate, il vicepresidente Mike Pence ha ingaggiato un suo legale personale, esterno alla Casa Bianca, ed è Richard Cullen, ex procuratore in Virginia.

Altre Notizie