Martedì, 22 Agosto, 2017

Fca, Marchionne: "Dopo di me? Non cerchiamo una superstar"

FCA, Marchionne: “Nessun impatto da dieselgate su target piano 2018” Marchionne scaccia ogni nube: dieselgate non impatterà su target 2018, addio a Fca certo nel 2019
Remigio Civitarese | 17 Giugno, 2017, 14:19

"No per favore. Nel 2019 sarò qui al Lido con voi, farò il vostro lavoro".

Nonostante il rischio di possibili sanzioni da parte delle autorità locali, Marchionne si è mostrato sicuro sull'argomento ed, interrogato dai giornalisti intervenuti all'evento, ha confermato che "l secondo trimestre e' in linea con le attese".

La ripresa da tempo in atto sul mercato dell'auto sta producendo buoni risultati anche sul piano dell'occupazione, tanto che Sergio Marchionne ha usato parole importanti, guardando al prossimo anno: "L'obiettivo è arrivare entro la fine del 2018 alla piena occupazione negli stabilimenti italiani". "C'è un gruppo di manager che stiamo analizzando - ha spiegato - La mia scelta è di farlo internamente perché siamo cresciuti in una certa maniera, questa è un'azienda che è fondamentalmente diversa da quattordici anni fa, oggi siamo molto più vicini al business model degli altri".

Un avvocato del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti questa settimana ha però precisato che potrebbero essere necessari settimane o mesi prima che le autorità di regolamentazione approvino il fix proposto da FCA.

L'ad di Fca si è detto contrario a trovare "delle superstar, gente che non 'smazza'". Sulla possibilità che le sue deleghe vengano suddivise tra più manager, Marchionne ha affermato: "il mio ruolo non è facile, è pesante, bisognerebbe alleggerirlo in qualche maniera".

Altre Notizie