Martedì, 22 Agosto, 2017

Apnea notturna e farmaci, ecco com'è morta Carrie Fisher

122316-celebs-news-carrie-fisher-heart-attack-1 Carrie Fisher: svelate le cause del decesso dell'attrice
Zaira Scannapieco | 17 Giugno, 2017, 19:30

Era il 23 dicembre dello scorso anno quando, mentre era in volo da Londra a Los Angeles, un quarto d'ora prima di atterrare, era stata colpita da un infarto: le sue condizioni erano apparse subito gravissime.

Venuta a mancare a soli sessant'anni, Carrie Fisher (l'amata principessa Leila Organa) è a più di sei mesi dalla sua prematura scomparsa uno dei personaggi tutt'ora più amati del mondo del cinema. Non una sola causa dunque, ma molteplici fattori scatenanti che hanno portato al tragico epilogo; rimangono tuttora incerti la tempistica e le esatte modalità del decesso.

Secondo i coroner di Los Angeles, Carrie Fisher - indimenticabile Leia nella saga di Guerre Stellari - è morta per una sindrome di apnea nel sonno e un miscuglio di altri fattori non determinabili, tra cui un'arteriosclerosi del cuore combinato a "uso di medicinali".

"Non è certo una novità che Carrie prendesse medicinali" ha dichiarato il fratello della Fischer, .

La figlia Billie Lourd ha rilasciato un'intervista alla rivista "People" dove ha affermato: "Mia madre ha combattuto tutta la vita contro la tossicodipendenza, e le malattie mentali, e alla fine è morta per essa". In tutto quello che ha fatto e detto, in ogni sua opera, ha sempre parlato apertamente dello stigma sociale che pesa su queste patologie e della vergogna che spesso le accompagna; sia per chi ne soffre sia per la famiglia e le persone vicine a questi malati. So che mia mamma voleva che la sua morte incoraggiasse le persone ad aprirsi e parlare delle proprie battaglie. Cercate aiuto, combattete, fate in modo che vengano stanziati fondi governativi per curare le malattie mentali. La vergogna e lo stigma sociale sono nemici del progresso verso le soluzioni e, alla fine, una cura. L'attrice dichiarò di essere affetta da disturbo bipolare ed assumeva diversi farmaci per contrastare la malattia. Ti voglio bene Momby.

Altre Notizie