Venerdì, 26 Mag, 2017

UE, Draghi: "Crisi, finita. Servono misure per consolidare il benessere"

Bce: protocollo, correggere comunicazione in modo molto graduale «La crisi economica è alle spalle» Così Draghi rilancia l'Eurozona
Remigio Civitarese | 19 Mag, 2017, 08:29

"La ripresa dell'area dell'euro è resistente e sempre più ampia fra i vari Paesi e settori". È quanto suggerisce Benoit Coeure, membro del board della Bce, secondo cui una volta accertata la ripresa dell'inflazione l'istituto di politica monetaria non deve tergiversare.

"Rispetto al 2013, ci sono 5 milioni di occupati in più e, anche se ancora troppo elevato, il tasso di disoccupazione è ai minimi da 8 anni", ha detto il chairman.

"Tuttavia - ha proseguito - quel che ci serve in Europa, per assicurare che la crescita economica e la maggiore prosperità siano sostenute nel corso del tempo, sono le riforme strutturali e un rinnovato senso di scopo dell'Unione europea".

Roma, 18 mag. (askanews) - L'Europa è finalmente riuscita a mettersi "la crisi alle spalle", ora, ha affermato il presidente della Bce, Mario Draghi, servono riforme strutturali per consolidare crescita e benessere, ma bisogna anche "ritrovare il senso del progetto dell'Unione europea"La crisi è alle nostre spalle". Tanto più che "ora la maggioranza silenziosa ha ritrovato la sua voce, il suo orgoglio e la fiducia in se stessa", come ha sottolineato Draghi con implicito riferimento agli esiti delle elezioni politiche in Europa: a dispetto del favore della maggioranza dei cittadini per l'Europa, in passato "spesso si sentiva solo una opposizione rumorosa".

Altre Notizie