Venerdì, 20 Ottobre, 2017

Hamilton, poi Vettel. Al Gp di Spagna sarà sfida sui millesimi

Hamilton, poi Vettel. Al Gp di Spagna sarà sfida sui millesimi Hamilton, poi Vettel. Al Gp di Spagna sarà sfida sui millesimi
Elettra Stolfi | 14 Mag, 2017, 05:23

Penso che avremmo potuto avere la pole oggi. "Il nostro passo di gara comunque è buono, quindi sono ottimista per domani". Lotta dalla quale è spuntato un monumentale Fernando Alonso, riuscito a portare la McLaren-Honda nella posizione più alta possibile da parte delle squadre "normali" (7° cioè) dopo tutte le difficoltà delle prove.

Ci permettiamo di usare il termine "storia" perché siamo sicuri che queste qualifiche così emozionanti rimarranno a lungo nella memoria degli appassionati, e per più di un motivo.

Qualifiche del GP di Spagna. Giro fantastico l'ultimo per Sebastian Vettel con il ferrarista che chiude a soli 51 millesimi dalla pole position conquistata meritatamente da Lewis Hamilton. Eliminati invece nel Q1 Marcus Ericsson (Sauber), Jolyon Palmer (Renault), Lance Stroll (Williams), Stoffel Vandoorne (McLaren) e Daniil Kvyat (Toro Rosso).

I motivi del sorpasso sono fondamentalmente 2: la Mercedes sembrava avere più potenza ma soprattutto i 2 piloti della ferrari sono partiti con un attimo di esitazione. E Sebastian Vettel, quarto alle spalle anche del compagno di squadra Kimi Raikkonen, accusa il colpo, affermando di aver avuto "sensazioni negative" e di "non essere soddisfatto del bilanciamento della monoposto".

La Red Bull sembra aver introdotto degli aggiornamenti aerodinamici molto piccoli, quasi invisibili, tra cui il nuovo deviatore di flusso e la scuderia di Milton Keynes scende in pista con il liquido verde per il controllo dei flussi aerodinamici e con dei sensori per controllare il bilancio della monoposto. Ma insomma vedere la prima fila tutta Ferrari non capitava da tempo. "Fino adesso le altre auto non le ho guardate - continua il pilota finlandese della Ferrari - ci concentriamo su noi stessi, seguendo il programma".

Altre Notizie