Sabato, 19 Agosto, 2017

Voucher, il Senato approva il decreto che li abolisce. Camusso: "Risultato importante"

Voucher.		
						
		
	Abrogazione voucher e gestione periodo transitorio istruzioni Inps			 0					Scritto da		Redazione		 		il				19 aprile 2017	
				Aziende Voucher. Abrogazione voucher e gestione periodo transitorio istruzioni Inps 0 Scritto da Redazione il 19 aprile 2017 Aziende
Rufina Vignone | 20 Aprile, 2017, 05:57

Saranno rimborsati i versamenti effettuati con bollettino postale, bonifico, F24 e portale dei pagamenti per l'acquisto di voucher telematici effettuati dopo il 17 marzo 2017. Parente (PD), ha ribadito che il jobs act non ha esteso l'ambito di applicazione del lavoro accessorio (lo ha fatto la legge Fornero) ma ha introdotto la tracciabilità a fini antielusivi.

Il Senato ha approvato con 140 voti favorevoli, 49 contrari e 31 astenuti, il decreto che abolisce i voucher e ristabilisce la responsabilità solidale negli appalti, cioè una forma di garanzia per i diritti dei lavoratori. "Esempi positivi - conclude Lepri - possono venire dagli chêques francesi, che incorporano anche un contributo pubblico a sostegno dei servizi alla famiglia o dai mini-jobs tedeschi, magari attivabili modificando le attuali forme del lavoro a chiamata".

Il provvedimento è stato licenziato da Palazzo Madama senza modifiche rispetto a quello varato dalla Camera ed è legge. L'abrogazione dei voucher e la reintroduzione della responsabilità solidale negli appalti sono i due temi oggetto dei due quesiti referendari promossi dalla Cgil, a sostegno dei quali il sindacato guidato da Susanna Camusso aveva raccolto a luglio scorso oltre 3,3 milioni di firme (compreso anche il quesito sull'articolo 18, che però la Corte Costituzionale non ha dichiarato ammissibile). "Siamo qui per rivendicare questo, avendo detto e continuando a dire che se non fosse così siamo pronti ad andare al referendum".

Per artigiani e piccole imprese si ipotizza l'introduzione del lavoro intermittente, (molto probabilmente sarà incluso l " Inps) Invece, per le famiglie, ci sarà la creazione di un buono lavoro facilmente utilizzabile.

Nonostante la recente abolizione dei voucher, c'è ancora qualcuno che può continuare a utilizzare i buoni lavoro: si tratta di chi ha acquistato i voucher entro il 17 marzo 2017, quindi prima dell'entrata in vigore del decreto che li ha aboliti, e delle beneficiarie del bonus babysitter, alle quali l'Inps paga la prestazione in buoni lavoro. Ora la campagna prosegue con la Carta dei diritti universali sul lavoro, presentata in Parlamento dalla confederazione per una legge di iniziativa popolare.

Altre Notizie