Venerdì, 21 Luglio, 2017

Champions: la Juve resiste al Camp Nou e vola in semifinale

La Juventus rientra senza Cuadrado resta a Barcellona per problemi fisici La Juventus rientra senza Cuadrado resta a Barcellona per problemi fisici Getty
Elettra Stolfi | 20 Aprile, 2017, 20:14

"Io sono molto contento di quello che stanno facendo i ragazzi - spiega Allegri - stasera tutti hanno fatto una grande partita, si poteva giocare per un giorno intero senza prendere gol". Il Barcellona batte il calcio d'inizio e parte alla carica: il 'Camp Nou' prova a credere al "nuevo milagro" dopo il 6-1 al Psg.

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. "Gustiamoci questo passaggio del turno, non dobbiamo esaltarci, da dopodomani dobbiamo pensare alla partita di domenica col Genoa per ammazzare il campionato".

Nessun cambio nella ripresa: la prima occasione capita a Cuadrado, che però da posizione defilata conclude fuori di qualche metro.

Nel primo tempo il Barcellona non è riuscito e mettere particolarmente sotto pressione la Juventus, che si è fatta trovare sempre ben schierata in difesa e pronta nelle ripartenze. "La Juve ha preso due o tre gol in tutta la Champions, sono dati rilevanti ma per noi le cose non cambiano". Siamo nel momento-clou della stagione e non bisogna mollare niente.

La difesa della Juventus non è quella del Paris Saint-Germain ed i sogni del Barcellona di una seconda, miracolosa, rimonta erano, appunto, solo sogni. Bisognerebbe chiedere alle nostre avversarie chi non vuole incontrarla in semifinale. Questa volta a superare il turno è la squadra davvero che ha meritato, non quella che è stata più aiutata dagli arbitri. Il nostro obiettivo è andare in finale. Buffon e compagni si presentano all'appuntamento con le semifinali di Champions League con numeri impressionanti: in questa edizione della Champions League ha subito soltanto due gol in dieci partite. Nel primo tempo dovevamo essere più calmi nel girare il pallone.

Forse ancor più clamorose le decisioni prese da Kuipers in Barcellona-Milan del 2012: l'olandese assegnò due rigori molto dubbi (il secondo a gioco fermo) ai danni della squadra allenata all'epoca da Allegri. Chi verrà verrà, ora: "l'importante era qualificarsi, e lo abbiamo fatto meritandolo". Grande entusiasmo, la squadra è cresciuta? Non solo perché manca Mathieu, nemmeno convocato, ma anche perché Luis Enrique ritrova Busquets, che a Torino era squalificato. Chiellini, anche lui insuperabile al 'Camp Nou' e' pronto alle prossime sfide: "Godiamoci questa vittoria, ma prepariamoci a un'altra battaglia".

Altre Notizie