Lunedi, 11 Dicembre, 2017

NVia libera al licenziamento lampo dei furbetti del cartellino nella Pubblica amministrazione

Furbetti del cartellino Marianna Madia: “Al via l'assunzione di 50 mila precari e sblocco turn over”
Irmina Pasquarelli | 19 Febbraio, 2017, 12:41

(Teleborsa) - Licenziamento lampo per i "furbetti" del cartellino, riduzione delle partecipate, riorganizzazione del Ministero del Lavoro, Piano Strategico del Turismo.

Queste ultime non sono in realtà innovazioni fondamentali, mentre quelle del decreto suilicenziamenti, hanno una funzione essenziale per sbnellire e accelerare i procedimenti e per non consentire più vie di fuga dalle responsabilità ai dipendenti che non svolgono correttamente il proprio compito e ai dirigenti che non vigilano.

Per i furbetti del cartellino si conferma la sospensione entro le 48 ore ed il licenziamento entro un mese per chi striscia il badge per poi tornare a casa. All'ordine del giorno era stato inserito anche un terzo decreto, sul riordino della dirigenza sanitaria, ma è stato rinviato a causa dell'assenza del ministro della salute Beatrice Lorenzin. Nel caso di dipendente licenziato per assenteismo, ove ricorrano i presupposti, si può intervenire entro 15 giorni dalla conclusione delle procedure per il licenziamento. Spostata in avanti anche la scadenza per l'adeguamento degli statuti alle novità (fine luglio). Modificata anche la norma sull'amministratore unico: non sarà più obbligatorio; si potrà conservare il Consiglio di amministrazione con una delibera motivata del Consiglio Regionale.

Rispetto all'anno prima si registra, in base ai dati pervenuti, un deciso aumento (+23,3%). La parte da leone spetta sicuramente agli assenteisti, che da soli coprono il 39% delle espulsioni.

In particolare, viene previsto un nuovo e più lungo termine, pari a 20 giorni dall'avvio del procedimento disciplinare, per l'esercizio dell'azione di risarcimento per i danni di immagine alla PA provocati dalle condotte fraudolente punite dal licenziamento.

Proprio per quest'effetto anticipo, che aveva permesso di constatare l'effetto che avrebbero avuto le nuove norme, il governo ha voluto insistere per approvare nei tempi previsti le disposizioni citate.

Sport: approvata riforma Comitato Paralimpico - Il ministro dello Sport Luca Lotti ha annunciato che il Cdm ha approvato la riforma del Comitato italiano Paralimpico, che così diviene un ente autonomo di diritto pubblico.

Altre Notizie